Il fiore di loto in cucina / Dall'acqua alla cucina
Registrati al nostro magazine online. La registrazione è gratuita.
Password dimenticata? Recuperala subito.

Il fiore di loto in cucina

venerdì 13 giugno 2014

Sono belli, bellissimi da vedere. Ma anche buoni, buonissimi da mangiare.

I tuberi dei fiori di loto sono infatti commestibili, e con loro la natura non è stata per niente avara: ne esistono di qualsiasi forma e dimensione e, di conseguenza, di diverse consistenze e sapori. I migliori – quanto meno per la cucina – sono quelli più grossi e polposi. Non per vezzo: i tuberi che appaiono sottili e disidratati possono rivelarsi una delusione al palato. 

Tuberi del fiore di loto: quando raccoglierli e come sceglierli

Il momento migliore per i tuberi del fiore di loto è l’autunno, poco prima che le piante si assopiscano per l’inverno: in vista della stagione fredda, infatti, i tuberi hanno accumulato buone quantità di amido. Nell’imbarazzo della scelta è meglio orientarsi su tuberi di 5-7 cm di diametro e 8-12 centimetri di lunghezza, selezionando quelli che mostrano una superficie uniforme, senza increspature o crepe

Come prepararli

Una volta raccolti e dopo averne tagliato le estremità, i tuberi devono essere lavati e strofinati con una spugnetta abrasiva, o in alternativa una spazzola. A questo punto si può decidere di procedere immediatamente con la preparazione di un piatto o di conservare i nostri tuberi; in questo secondo caso, il tubero dev’essere inserito in un sacchetto e messo in frigo per una settimana al massimo. Fate attenzione a non lasciarlo all’esterno: potrebbe germogliare. La cosa non sarebbe negativa di per sé, ma non risponde – non stavolta – ai nostri scopi. Quando si decide di cucinarlo, il tubero dev’essere tenuto a bagno in acqua pulita e poi tagliato a misura per la cottura (le dimensioni dipendono dal piatto che si sta andando a preparare). Non potrete fare a meno di notare che, quando viene tagliato, il tubero di fiore di loto rilascia una linfa simile a mozzarella filante, specie se il tubero è acerbo. 

Zuppa o tempura?

Giusto per fare qualche esempio, per la tempura il tubero del fiore di loto dev’essere tagliato perpendicolarmente a fettine sottili, mentre per le zuppe si possono utilizzare pezzi più grandi, naturalmente sempre a seconda delle preferenze (c’è chi, per esempio, impazzisce per i cubetti). Anche i tempi di cottura dipendono dai gusti personali: una frittura breve restituirà un risultato molto croccante, per intenderci simile a una carota cruda. Bollito per dieci minuti più o meno, invece, il tubero del fiore di loto assume la trama di una patata cotta, con gradazioni variabili a seconda della provenienza e della varietà del fiore. 

 

 

E ora all’opera!

Tempura

Iniziate preparando le verdure, come per esempio carote, melanzane, patate, pomodori, peperoni e, naturalmente, il tubero del fiore di loto, da tagliare in questo caso longitudinalmente a fette piuttosto sottili (è importante per la cottura). Immergete poi in olio e friggete in fretta, sino a che non si formerà una leggera pastella. Volendo è possibile aggiungere gamberetti, pesce o tutto ciò che la vostra fantasia associa alla tempura. 

Germogli di soia e tuberi di fiore di loto in pancetta croccante

Ingredienti:

Mezzo chilo di germogli di soia

250 grammi di tubero di fiore loto tagliato a strisce sottili

10-20 rametti di erba cipollina (senza estremità e radici) tagliati a listarelle

1 spicchio d’aglio tritato finemente

Pancetta a piacere

Soffriggere lentamente la pancetta sino a farla diventare croccante. Frantumare la pancetta croccante, che diventerà il vostro contorno, in piccoli pezzi. A questo punto, con l’olio già utilizzato per la pancetta, preparate un soffritto con l’aglio, aggiungete le strisce di tubero per 30-40 secondi, i germogli di soia sino a che assumono un colore bianco traslucido e, ancora, l’erba cipollina per 15 secondi. Comporre il piatto di portata aggiungendo un pizzico di pepe e coprendo tutto con la pancetta (e cipolla, per chi apprezza). Se il risultato non fosse sufficientemente saporito si può aggiungere salsa di soia.

Buon appetito!

 

PHOTO GALLERY

COMMENTI

Registrati per inserire i commenti!
Oppure effettua il login se sei già registrato.

Vuoi maggiori informazioni sul

biolago?
Contattaci!